logo
 | 

Recensione OnePlus 5

Per la recensione di OnePlus 5 vi forniamo due punti di vista: Marco vi presenta in video i motivi che gli hanno fatto scegliere 1+5 come dispositivo personale, mentre Francesco ha stilato una "classica" recensione.

Con immensa colpa arrivo a provare uno smartphone OnePlus solamente  dopo anni dalla sua nascita ma soprattutto dopo ben cinque modelli lanciati nel corso degli anni. Le aspettative nei confronti di questo OnePlus 5 erano piuttosto alte, amici e colleghi me ne hanno sempre parlato con toni entusiastici che rasentavano il fanatismo. Nonostante i feedback provenienti da ogni direzione ho cercato di non farmi influenzare ed essere, come sempre, il più obiettivo possibile. Alla luce di due settimane di test, questo smartphone ha davvero saputo impressionarmi confermando la fama di essere il flagship killer riferimento?  Ovviamente non posso dirvelo ora, ma scopritelo nella recensione completa del dispositivo.


DESIGN ED ERGONOMIA

OnePlus 5 è con ogni probabilità lo smartphone top di gamma più leggero che io abbia mai avuto, il suo peso, appena 153 grammi, lo incoronano re nella maneggevolezza rendendolo impercettibile nelle nostre tasche. L’accoppiata metallo satinato nella zona posteriore, dove spicca solamente la doppia fotocamera sporgente, unita al vetro frontale mi piace e dona una sensazione di grande robustezza.

Se da un fronte troviamo robustezza, materiali e qualità costruttiva al top, a parer mio OnePlus5  pecca sul fronte del design in quanto questo  risulta già visto e molto basic non in linea con gli sforzi che stanno affrontando tutti i competitor  su questa feature.

Altra differenza dai competitor è la mancanza di impermeabilità, caratteristica non utile a tutti ma che inizia ad essere una costante su dispositivi anche di fascia media.

 

DISPLAY

OnePlus 5 decide di puntare su una tecnologia consolidata e dal basso impatto energetico per aumentare le prestazioni della batteria. Il pannello AMOLED da 5.5” con risoluzione Full HD da 401ppi e davvero eccellente.

Gli angoli di visione sono ottimi e permettono quindi di godere di  colori realistici e ben bilanciati da angolazioni molto pronunciate. Buona la visibilità all’aperto, il trattamento antiriflesso ed oleofobico del vetro e ad un layer a doppia polarizzazione consente di vedere lo schermo anche se si utilizzano  occhiali da sole polarizzati.

Inutile dire che spulciando fra i menù  possiamo regolare la temperatura dei colori e altre moltissime impostazioni per il pannello frontale.

 

HARDWARE

Questo smartphone non accetta compromessi.

Basterebbe la mia ultima frase per spiegare che questo smartphone è un mostro di potenza, lo Snapdragon 835 octa core fino a 2,45GHz è il cuore pulsante di una macchina che può contare anche su una GPU Adreno 540, 6 GB di RAM e 64 GB di memoria interna non espandibile. La RAM è in tecnologia LPDDR4X e la memoria interna è UFS 2.1. OnePlus 5 viene venduto anche nella variante  con 8 GB di RAM e 128 GB di memoria interna (utilizzata per la recensione).

Sul fronte connessioni troviamo una buona la connettivitàLTE fino a 600 Mbps, Wi-Fi ac a doppia banda e anche il nuovo Bluetooth 5.0. Completano la scheda tecnica l’NFC il GPS assistito e il lettore di impronte digitali frontale, infine troviamo il  jack audio da 3,5mm.

SOFTWARE

Con questo prodotto non dovrete preoccuparvi, la OxygenOS  non è nient’altro che una versione di Android Nougat  leggermente personalizzata. La semplicità di questo software è disarmante, con ogni probabilità è la miglior personalizzazione Android presente sul mercato.

Le personalizzazioni non sono invadenti come su altri smartphone ma soprattutto ho la sensazioni che aumentino sensibilmente la produttività di OnePlus 5.

Fra le modifiche nel software  segnalo le gesture a schermo spento e la possibilità di personalizzare i tasti fuori dallo schermo, scegliendo cosa deve succedere quando li premiamo a lungo o due volte.

 


FOTOCAMERA

OnePlus porta in dote un discreto comparto fotografico puntando forte su un doppio sensore pe la fotocamera posteriore composto da:

* un Sony IMX 398 da 16 megapixel , con apertura f/1.7

* teleobiettivo Sony IMX 350 da 20 megapixel con apertura f/2.6 e pixel

La fotocamera anteriore ha un sensore Sony IMX 371 da 16 megapixel con apertura f/2.0, HDR.

Entrambe le fotocamere nativamente scattano foto in rapporto 4:3.

OnePlus 5 riesce a catturare foto di qualità soddisfacente, anche in  condizioni di scarsa luminosità. La fotocamera anteriore permette di fare ottimi scatti.

Fra le impostazioni della fotocamera troviamo la modalità PRO che, oltre a regolare molti parametri, consente di utilizzare il formato RAW.

Sul fronte video si possono registrare video in 4K a 30fps, niente male.

In generale ho trovato la qualità ottima ma sottotono rispetto ai leader iPhone e Samsung.

BATTERIA

La batteria di OnePlus 5 è una 3300 mAh che permette di godere delle prestazioni di questo smartphone per un intera giornata con un uso medio intenso. Evidenzio fra le note positive la ricarica veloce che sorprende per efficienza!

CONCLUSIONI

OnePlus 5 a mio avviso gode del miglior valore qualità prezzo rendendolo uno dei migliori smartphone Android presente sul mercato. Avrei osato molto di più lato design e forse avrei implementato impermeabilità e una fotocamere maggiormente performante. Ad ogni modo lo smartphone è  equilibrato sempre scattante e solido. Certamente non avrete mai rallentanti grazie alla scelta di dare RAM praticamente infinita.

Onestamete da uno smartphone oltre a robustezza software  e hardware cerco anche altro ma questo OnePlus 5 mi ha sorpreso e piacevolmente colpito.

Se non avete bisogno di una fotocamera al Top ma che comunque fa foto e riprese appena inferiori rispetto a prodotti che costano il doppio questo smartphone fa al caso vostro!

 

ARTICOLO DELL'AUTORE Francesco Lia

Hello world, nella tradizione dell'informatica è il primo scoglio che un programmatore deve superare per affermarsi, dopo questo l'unico limite è la fantasia, per molto tempo ci si è fidati dei pareri degli altri ed abbiamo seguito regole e manuali, ora è tempo di mettersi in gioco.

Commenti