logo
 | 

TOdays 2017: il racconto dell'Estate musicale torinese!

Anche quest'anno i TOdays hanno regalato performance uniche in una cornice piacevole e inusuale...

I TOdays sono finiti! Anche quest'anno abbiamo assistito ad una festa musicale unica nel suo genere per numerosi motivi: i musicisti, ricercati e il più delle volte presenti soltanto a questo appuntamento nel nostro Paese; i luoghi, a differenza di molti altri festival i TOdays sono immersi nelle periferie cittadine e infine la varietà di attività, non solo musica sul palco ma corsi a tema e molto altro.


 

Noi siamo riusciti a seguire quasi tutta la kermesse musicale dal palco dello sPAZIO 211, dove si sono esibiti tra gli altri PJ Harvey, Richard Ashcroft, Mac De Marco, Perfume Genius e molti altri. La differenza l'ha fatta indubbiamente la cantautire britannica, che con la sua band (composta in parte anche da collaboratori e membri dei Bed Seeds di Nick Cave) ha regalato probabilmente la migliore esibizione dalla nascita dei TOdays! Acustica perfetta, voce e accompagnamento straordinari e presenza scenica impareggiabile. Il palco all'aperto dello sPAZIO 211 si è dimostrato ancora una volta perfetto sia per visibilità che per impianto acustico. Buona esperienza anche nel servizio ristorazione con i Rock Burger, che oltre ad essere veramente buoni sono pienamente in tema con la kermesse del Festival. Nonostante l'imponente presenza di pubblico le misure di sicurezza sono state impeccabili, con controlli continui e misure preventive. 


 

Insomma, una bella esperienza, che anno dopo anno riesce ad offrire ottimi concerti a prezzi contenuti nella non sempre brillante (quantomeno sul fronte musicale) Torino. Ora partono i pronostici per gli artisti del prossimo anno...

ARTICOLO DELL'AUTORE Matteo Roselli

Director, co-publisher, co-founder Giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche. Non sopporta chi inganna i lettori consigliando per militanza o convenienza. Crede fermamente nella libertà di stampa e nel suo ruolo storico di quarto potere

Commenti