logo
 | 

Primo Maggio, festa dei lavoratori

La storia ci insegna che, per ottenere miglioramenti, bisogna combattere. Anche se, molte volte, si rischia di perderci la vita

Siamo arrivati al Primo Maggio, giornata significativa per tutti i lavoratori perché oggi si celebra la ricorrenza di una manifestazione fatta nei primi giorni di maggio, a Chicago, nel 1886 per poter ridurre le ore lavorative da 16 a 8. il 3 maggio di quell'anno i lavoratori della città americana si trovarono fuori dalla fabbrica di macchine agricole McCormick, dove due manifestanti furono uccisi dagli spari dei poliziotti. A questo punto, per ribellarsi, gli anarchici organizzarono un'altra manifestazione il giorno seguente. Durante quest'ultima, a causa di una bomba, furono uccisi sei poliziotti e circa cinquanta persone rimasero ferite. A quel punto la polizia sparò sui manifestanti. L'anno seguente, il 20 agosto 1887, il tribunale condannò a morte 8 anarchici, impiccati poi l'11 novembre a Chicago. Significativa è stata la frase di uno di loro, August Spies, che prima di morire disse “Verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che oggi soffocate con la morte”.

 

 

 

In Italia, una delle prime manifestazioni importanti è stata ripresa dal produttore cinematografico Cataldo Balducci, presentandola poi nel suo documentario “Grandiosa manifestazione”. Essa si è svolta il primo maggio ad Andria ed il produttore ha ripreso la festa facendo vedere il corteo che percorre le strade affollate della città dove tutti gli uomini, con il cappello, seguono la banda che suona. Durante gli anni del fascismo, questa celebrazione venne spostata al 21 aprile, facendola coincidere con il Natale di Roma. Questa è la prima volta che diventò giorno festivo e venne rinominata “Natale di Roma – Festa del lavoro”. Il primo maggio 1955 papa Pio XII decise di istituire la festa di San Giuseppe Lavoratore, in modo che anche i cattolici potessero condividere questa festa. Dal 1990 i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil organizzano, in Piazza San Giovanni, il concertone, rivolto principalmente ai giovani. Il concerto inizia nel pomeriggio per concludersi di notte, creando così una lunga maratona musicale dove si esibiscono numerosi cantanti.

ARTICOLO DELL'AUTORE Annalisa Pasina

Amo leggere, scrivere e ascoltare musica. In camera ho più CDs che vestiti.

Commenti